Tu sei qui

Progetti e riconoscimenti

Sono sempre più numerose le iniziative che portiamo avanti nell’ambito della “sostenibilità”. I settori interessati sono trasversali e riguardano sia le attività core, sia quelle non core, con importanti sviluppi che investono anche il rapporto con gli stakeholders, i dipendenti e i nostri clienti.

 

Il Premio per la Sostenibilità delle Opere

Anas ha ottenuto una menzione speciale al primo Premio per la Sostenibilità delle Opere nell’ambito di Inertia 2015, l’evento specializzato sui rifiuti inerti e gli aggregati naturali, riciclati e artificiali.

La commissione aggiudicatrice ha premiato l’azienda per l’utilizzo dell’EPD (Environmental Product Declaration) in una struttura complessa: il nuovo Ponte sul fiume Po a Piacenza.

L’EPD o Dichiarazione Ambientale di Prodotto è uno strumento innovativo capace di valutare le caratteristiche, le prestazioni e gli impatti ambientali di prodotti e servizi e di comunicarli in modo oggettivo, confrontabile e credibile all’esterno.

In particolare, la dichiarazione è stata ottenuta adottando la metodologia LCA21 che ha consentito di elaborare tutti i dati significativi relativi alle varie fasi di vita del ponte, e conseguentemente di misurare un set di parametri ambientali come gli effetti sul riscaldamento globale, sulla formazione di ossidanti fotochimici e sull’acidificazione ed eutrofizzazione in acqua e suolo. La Dichiarazione Ambientale di Prodotto - EPD - è stata certificata da un ente terzo accreditato, Certiquality S.r.l.

 

 

Iniziative sostenibili

 

Puliamo il Mondo 2017: Anas e Legambiente insieme contro i rifiuti sulle strade statali e raccordi autostradali

Per i 25 anni di Puliamo il Mondo, la storica campagna autunnale di Legambiente per ripulire spazi pubblici dai rifiuti abbandonati vede per la prima volta la collaborazione tra Anas e Legambiente per eseguire interventi di rimozione dei rifiuti e pulizia di alcuni tratti o piazzole di statali o raccordi autostradali. Un’occasione per porre l’attenzione anche sul grave fenomeno, particolarmente diffuso sull’intero territorio nazionale, dell’abbandono illegale dei rifiuti sulle strade e in particolare sulle piazzole di emergenza.

Il weekend di Puliamo il Mondo è quello del 22 - 24 settembre 2017. Per una grande anteprima della campagna, il primo appuntamento con Anas si è svolto in Campania, sul Raccordo Autostradale “Salerno-Avellino” mercoledì 20 settembre, in corrispondenza dello svincolo di Fisciano.

Puliamo il mondo 2017 è realizzato con il patrocinio del ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, del ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, di UPI (Unione Province Italiane), Federparchi, Borghi Autentici d’Italia e UNEP (Programma per l'Ambiente delle Nazioni Unite). È l’edizione italiana di Clean up the world, il più grande appuntamento internazionale di volontariato ambientale che, nato a Sydney nel 1989, coinvolge ogni anno oltre 35 milioni di persone in circa 120 Paesi.

Per saperne di più leggi il comunicato stampa

 

La riqualificazione delle case cantoniere

Il progetto di riqualificazione delle case cantoniere e il riuso degli immobili a fini turistico-culturali risponde ad un duplice obiettivo: aumentare i servizi al cliente stradale e sviluppare un modello di turismo “sostenibile”, all’insegna della sostenibilità ambientale, dell’efficienza energetica, della sicurezza e dell’innovazione.

La fase pilota del 2016 interessa un portafoglio di 28 “case rosse” da destinare a progetti di riqualificazione e valorizzazione. Ogni casa cantoniera offrirà una serie di servizi “base” con una qualità e un costo standard (ristorazione, ospitalità) a cui si aggiungeranno altri servizi e beni specifici della struttura e del territorio come ad esempio una selezione di prodotti enogastronomici o artigianali locali.

Questo progetto rappresenta un’ulteriore dimostrazione del legame di Anas alle comunità locali, attraverso la valorizzazione delle case cantoniere, simbolo esse stesse della capillare presenza della società sul territorio.

Maggiori informazioni sul Progetto di riqualificazione delle case cantoniere: http://www.stradeanas.it/it/lazienda/chi-siamo/le-nostre-iniziative/case-cantoniere

 

L’attenzione ai dipendenti: parcheggi rosa per le donne in maternità

Nell’impegno di garantire pari opportunità tra uomini e donne e tutelare la maternità, dal novembre 2015 Anas ha riservato alle donne in gravidanza due “parcheggi rosa” nella sede della Direzione Generale di Roma. I parcheggi che vengono assegnati temporaneamente sono di facile accesso e permettono

di conciliare con maggiore facilità i tempi di lavoro con quelli della vita quotidiana delle future mamme.

 

L’uso responsabile delle risorse: paperless e carta riciclata

La carta rappresenta per Anas il principale materiale di consumo per le attività di ufficio delle diverse sedi sul territorio, dove si rileva un consumo, oltre alle tradizionali risme di carta (formati A3 e A4), anche di carta per plotter. L’impegno nel corso degli ultimi anni è stato quello di minimizzare l’utilizzo della carta e di preferire la carta riciclata. Nel 2015 si è intensificato il progetto “paperless” mentre la quota percentuale di carta riciclata rispetto alla quantità totale prodotta ha seguito un trend crescente, con un aumento el 4% rispetto al 2014.

 

Il risparmio energetico: le luci a LED

Il trend sui consumi energetici del triennio 2013-2015 mostra una costante riduzione, ottenuta grazie a diverse attività, tra cui le più rilevanti sono quelle che hanno riguardato le strade e le gallerie e nelle quali rientrano le azioni di efficientamento per l’illuminazione.

È proseguita infatti l’attività di sostituzione degli apparecchi di sodio ad alta pressione con i più efficienti sistemi di illuminazione a tecnologia LED - in grado di assicurare risparmi energetici fino al 40% rispetto alla tecnologia tradizionale -, sia per interventi di ammodernamento sia per le nuove costruzioni lungo la rete stradale e nelle gallerie.

Gli impianti di illuminazione in galleria costituiscono il principale oggetto degli interventi di ammodernamento e adeguamento tecnologico, che hanno l’obiettivo di migliorare e omogeneizzare gli standard di sicurezza e di servizio alla clientela stradale, e ottimizzare, contemporaneamente, i

consumi energetici soprattutto degli impianti di illuminazione e di ventilazione, tipicamente più energivori.

Il programma di adeguamento impiantistico ha già interessato 114 gallerie: alla fine del 2015 circa il 20% dei Km di gallerie gestite dall’azienda presenta illuminazione al LED.

Parallelamente, si sta continuando nell’installazione di sensori di luminanza agli imbocchi delle gallerie al fine di poter regolare le luminanze interne in funzione di quella esterna, con possibilità di regolazione punto per punto. Inoltre, l’alto indice di resa cromatica, l’efficienza luminosa e l’elevato comfort visivo tipico degli apparecchi LED consentono di abbassare le luminanze sul manto stradale con conseguenti notevoli riduzione dei consumi energetici.

 

Politiche sostenibili negli acquisti

Nell’ambito dei processi d’acquisto i fornitori vengono coinvolti e responsabilizzati su tematiche sociali e ambientali attraverso il Portale Acquisti, sia nell’uso della tecnologia che permette un risparmio dei costi ambientali sia nella richiesta di certificazioni che attestano il rispetto di regole e diritti.

Il riesame dei processi di approvvigionamento ha attribuito particolare attenzione ai profili di sostenibilità e ha da tempo consentito di adottare molteplici soluzioni, fra le quali:

• l’acquisto di prodotti/servizi che hanno un minore impatto sull’ambiente per il modo in cui sono realizzati;

• la verifica di tutti gli appaltatori in materia di diritti umani e tutela della salute e sicurezza del lavoro;

• la dematerializzazione dei documenti e l’uso della tecnologia (firma digitale nelle gare, negli elenchi e

nella stipula dei contratti);

• l’utilizzo di criteri sostenibili per la valutazione delle offerte.

 

Mobilità sostenibile per l’ambiente: Anas si muove con le auto ibride

Anas è da sempre attenta allo sviluppo di una mobilità innovativa, rispettosa dell’ambiente e della qualità della vita. Dal novembre 2016 l’azienda ha adottato l’impiego di veicoli a basso impatto ambientale acquistando una serie di veicoli ibridi della Toyota Italia in sostituzione delle auto benzina e diesel più inquinanti. Le nuove vetture sono dotate di sistema propulsivo ibrido composto da un motore a benzina di 1.500cm3 ed un’unità elettrica il cui combinato consente un risparmio notevole dei costi e riduce sensibilmente l’emissioni di Co2.

A seguito di studi di mercato, Anas ha scelto il prodotto che le consente i maggiori risparmi economici ed efficienza nelle mobilità.

 

Il progetto scuola-lavoro

Abbiamo aderito al progetto di alternanza scuola-lavoro del Consorzio Elis collaborando con gli istituti per Geometri e Periti Industriali

L’alternanza scuola lavoro è stata introdotta dalla legge 107/2015 per favorire l’innovazione didattica nel sistema formativo italiano. L’obiettivo è migliorare la formazione degli studenti, facilitando l’integrazione delle conoscenze con l’esperienza del lavoro.

Nell’ambito del Consorzio ELIS, si sta favorendo la creazione di un sistema di collaborazione fra le aziende per facilitare l’integrazione dei progetti e l’impatto complessivo delle iniziative sul sistema formativo italiano. La realizzazione di un progetto di integrazione fra scuola e impresa è un’azione qualificata di Corporate Social Responsibility.

Tutte le aziende partecipanti verranno iscritte nel Registro Nazionale dell’Alternanza e Unioncamere conferirà a tutte quelle aziende che offriranno posizioni di qualità il titolo di «buona impresa».

Partecipando all’Alleanza ELIS, contribuiamo a The European Pact4Youth, il progetto Europeo di CSR Europe a sostegno dell'occupabilità e l'inclusione dei giovani.

Maggiori informazioni sul Progetto scuola-lavoro: http://www.stradeanas.it/it/lazienda/le-persone/scuola-lavoro

 

Campagne di sensibilizzazione per la sicurezza stradale

Siamo molto attenti al tema della sicurezza stradale e, per questo, siamo in prima linea nel rendere le vie di comunicazione sempre più sicure e nella costante opera di sensibilizzazione della cittadinanza. Da sempre ci impegniamo in progetti destinati alla prevenzione e al contrasto dell’incidentalità con campagne di sensibilizzazione, prevalentemente su temi relativi al traffico e alla sicurezza in viaggio.

“Se non rispondi non muore nessuno. Quando guidi #GUIDAeBASTA” è il claim della campagna promossa in collaborazione con la Polizia di Stato per sensibilizzare gli automobilisti sui pericoli che si corrono quando ci si distrae al volante. In particolare, abbiamo deciso di porre l’attenzione su un fenomeno che negli ultimi anni è diventato una delle maggiori cause di incidentalitàusare il telefonino mentre si guida.

Per saperne di più: http://www.stradeanas.it/it/lazienda/chi-siamo/le-nostre-iniziative/sicurezza-stradale

Inoltre abbiamo lanciato l’iniziativa “In moto con Anas”, un progetto sperimentale rivolto ai motociclisti che percorrono alcune delle più belle e panoramiche strade statali italiane. La “web app” – sviluppata in collaborazione con il sito internet «le strade italiane più belle da percorrere in moto» – consente ai motociclisti di segnalare eventuali criticità riscontrate lungo i percorsi proposti dal sito internet che ricadono su strade di competenza Anas.

Maggiori dettagli nel comunicato stampa

 

Valorizzazione delle strade per promuovere il territorio

Nel corso del 2017 abbiamo sviluppato alcune iniziative per pubblicizzare la ricchezza del territorio italiano, mettendo in relazione la valorizzazione delle strade con la promozione del turismo e della cultura.

Il progetto di valorizzazione turistica della nuova A2 “Autostrada del Mediterraneo” ha l’obiettivo di guidare l’automobilista verso una riscoperta consapevole dello straordinario patrimonio turistico e culturale del Sud d’Italia, attraverso itinerari religiosi, culturali naturalistici, enogastronomici.

“Tra Campania, Basilicata e Calabria, c'è una strada dove ogni viaggio è una scoperta: è l’Autostrada del Mediterraneo. Buon viaggio”. È questo il claim della campagna di comunicazione istituzionale realizzata nell’estate del 2017. Scopri di più nel comunicato stampa

Per promuovere i luoghi attraversati dall’autostrada abbiamo anche pubblicato un sito dedicato: www.autostradadelmediterraneo.it 

Infine, abbiamo realizzato con La Repubblica la guida dal titolo “Autostrada del Mediterraneo - Guida per viaggiare con gusto 2017”. Scopri di più nel comunicato stampa

In Sicilia la strada statale 640, precedentemente chiamata “di Porto Empedocle”, è stata rinominata “Strada degli Scrittori” in onore dell’itinerario che ripercorre i luoghi vissuti e amati dagli scrittori siciliani e quelli descritti nei loro romanzi.

Il progetto è nato da un’idea del giornalista Felice Cavallaro che – coinvolgendo intellettuali, istituzioni nazionali e comunità locali – ha proposto di intestare agli scrittori siciliani la SS640, arteria in corso di ampliamento da parte dell’Anas. Una strada che unisce cultura e turismo, conservando la memoria di grandi autori come Luigi Pirandello, Leonardo Sciascia, Andrea Camilleri, Giuseppe Tomasi di Lampedusa, Antonio Russello, Pier Maria Rosso di San Secondo e molti altri.

Per saperne di più: http://www.stradeanas.it/it/la-strada-degli-scrittori

La storia e il mito di Roma rivivono sulle pareti del Grande Raccordo Anulare. Alcuni Urban Artist internazionali hanno aderito al progetto GRAArt, promosso da Anas, per valorizzare le infrastrutture di una delle arterie più importanti del Paese, realizzando su rampe e sottopassi opere ispirate al mito della Città Eterna.

GRAArt è un progetto di arte contemporanea urbana ideato da David Diavù Vecchiato, esponente di spicco dell’Urban art in Italia e fondatore di MURo (il Museo di Urban Art di Roma). L’iniziativa è patrocinata dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

Maggiori dettagli sono disponibili al link: http://www.stradeanas.it/it/graart-la-street-art-colora-il-grande-raccordo-anulare